L’urotac è un esame utile per osservare l’ intero sistema urinario (reni, vie escretorie, vescica, prostata). Si tratta dell’esame di riferimento per esplorare il tratto urinario, specialmente in caso di malattie renali . Sostituisce sempre più frequentemente l’ urografia endovenosa.

L’urotac, o tac urologica è una tecnica di imaging per la diagnosi di patologie che fa uso dei raggi X per “scansionare” in “assi” un’area del corpo ed eseguire immagini a sezione trasversale. Il termine “scanner” è in realtà il nome del dispositivo medico, ma il termine viene spesso utilizzato per denominare l’esame. Parliamo anche di tomografia computerizzata o scansione TC.

A cosa serve l’Urotac

Le indicazioni per l’urotac sono vaste. Riguardano tutte le patologie del sistema urinario.
L’esame è utile in particolare :

  • In caso di presenza sangue nelle urine ( soprattutto ematuria grave , vale a dire visibile ad occhio nudo).
  • In caso di calcolosi urinaria
  • In caso di sospetto tumore uroteliale (tumore del rivestimento della vescica, ureteri o cavità renali)
  • In caso di idronefrosi (aumento anormale del volume del bacino, parte del rene) o per studiare la morfologia dei reni
  • Per studiare lo stato dei reni o del tratto urinario in caso di trauma, shock, incidente
  • In caso di infezioni complesse del tratto urinario (pielonefrite o cistite ricorrente)
  • Per la visualizzazione dello stato dei vasi sanguigni
Il protocollo per l’urotac dipende dal contesto, dai sintomi e dall’indicazione.

Breve cenno sul funzionamento della TAC

La TAC o TC, che sta per tomografia assiale computerizzata, è un esame che utilizza i raggi X. Vedi nello specifico a cosa serve la TAC.

Il suo scopo è quello di creare immagini in sezioni sottili del tuo corpo. Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino che scivola in un tubo a raggi X che gli ruoterà intorno. Grazie a un potente sistema informatico, si ottengono immagini dettagliati dell’ organo in esame o dell’ intero corpo, tac total body.

Le immagini vengono ricostruite sovrapponendo gli strati, tac a 64 strati o tac a 128 strati. Ovviamente la definizione è migliore in questo ultimo caso e permette di vedere nei dettagli gli organi da monitorare.

Il macchinario per la TAC è composto da:

  • un anello, chiamato “gantry”, all’interno del quale si trova il tubo a raggi X e i detettori e da una lettino su cui viene fatto sdraiare il paziente che entra al centro dell’anello.
  • Il pannello di controllo dietro il quale si trova il personale medico è separato dal resto della stanza da un vetro al piombo.

Questo esame ha il vantaggio di fornire informazioni molto precise sugli organi studiati. Dall’esterno del corpo, può essere ricostruito in tre dimensioni.

Preparazione per l’esame

L’esame può richiedere l’iniezione endovenosa di un mezzo di contrasto iodato per visualizzare in modo migliore lo stato degli organi. In questo caso vanno effettuate delle analisi prima dell’esame per controllare se il paziente presenta una corretta funzione renale ( normale livello di creatinina nel sangue , velocità di filtrazione glomerulare o clearance della creatinina) e che non vi sia una storia personale di allergia al mezzo di contrasto

Nel caso opposto, o l’esame viene eseguito senza mezzo di contrasto o l’esame viene sostituito da un’altra tecnica, oppure viene posticipato fino a quando il paziente non si sottopone ai test allergologici, vale a dire un trattamento per la profilassi anti-allergia viene inizialmente somministrata per via endovenosa in caso di esame urgente e sotto alta sorveglianza.

Inoltre, per evitare la possibile insufficienza renale, il paziente diabetico trattato con metformina o medicinali a base di biguanide deve interrompere questo trattamento antidiabetico orale per 48 ore dopo la somministrazione di mezzo di contrasto iodato e riprenderlo dopo la verifica. l’assenza di insufficienza renale. Si raccomanda a tutti i pazienti, salvo diversa controindicazione, di essere ben idratati per via orale le ore prima e il giorno successivo dell’esame.

Trova il centro di radiologia più vicino a te!

Urotac: come si svolge l’esame

Per effettuare un’ecografia addominale è necessario indossare abiti comodi e larghi. Potrebbe essere utile rimuovere tutti gli indumenti e i gioielli dall’area da esaminare.

Il paziente viene fatto stendere su un lettino controllato da un operatore da un’altra stanza. Il lettino si muoverà all’ interno della “ciambella” della TAC. L’operatore comunicherà con il paziente via interfono e dovrà restare immobile per tutta la durata dell’ esame. Potrebbe anche essere necessario trattenere il respiro per un breve periodo per garantire immagini di buona qualità.

L’esame di UROTAC dura circa 10 minuti.

L’esame può consistere in diverse fasi:

  • scattare istantanee senza iniezione di mezzo di contrasto
  • screening del tratto urinario dopo la somministrazione di un farmaco diuretico, che aumenta l’escrezione di urina da parte dei reni (iperdiuresi)
  • l’uso di un mezzo di contrasto iodato, che si concentra nelle urine. Diverse iniezioni possono essere fatte in successione tramite l’infusione (a pochi minuti l’una dall’altra, per visualizzare l’avanzamento delle urine).

Controindicazioni e Rischi

In caso di gravidanza , comprovata o sospetta o in allattamento, l’ UROTAC è controindicata (se non diversamente indicato dal medico). Dobbiamo quindi pensare di segnalarlo al TECNICO radiologo.

Inoltre, l’uso di mezzi di contrasto iodati è comune e normalmente ben supportato. Tuttavia, sono possibili alcune reazioni gravi, quindi l’interesse di far conoscere all’interlocutore l’esistenza di allergie (specialmente quando è correlata a determinati farmaci), orticaria, eczema o asma . Saranno quindi implementate le misure necessarie per garantire il buon funzionamento della TAC, inclusa la prescrizione del trattamento preventivo antiallergico.

L’urotac è un esame che fa uso di raggi x ionizzanti, quindi potenzialmente cancerogeni. Il rischio individuale di tale esposizione non è pari a zero e ogni indicazione dell’esame deve pertanto essere attentamente valutata in base al beneficio atteso (linee guida per la radioprotezione).

I risultati

Dopo l’urotac l’analisi delle immagni può essere eseguita rapidamente. Se è stata effettuata un’iniezione con mezzo di contrasto, verrà consigliato di bere molta acqua per facilitarne l’eliminazione. L’esame consente di visualizzare chiaramente l’intero tratto urinario e di identificare varie anomalie. Tra gli altri:

  • calcoli urinari (litiasi)
  • un tumore del rene , della vescica , della prostata , ecc
  • probleimi nel tratto urinario (coaguli, ostruzioni, ecc.)

A seconda dei risultati, l’urologo ti indirizzerà alle cure appropriate o, eventualmente, ad altri esami di imaging medico.

Meglio Urotac o Cistoscopia?

un altro esame per esaminare le vie urinarie è la cistoscopia. Viene eseguita dall’urologo, principalmente in anestesia locale, utilizzando un cistoscopio .

Viene introdotto nella vescica attraverso l’uretra. Un dispositivo video è attaccato al cistoscopio e l’immagine viene proiettata sul monitor. Il liquido sterile viene introdotto nella vescica per garantire una visione chiara della parete vescicale.

Una sensazione di dolore, ematuria e minzione dolorosa sono le lamentele più comuni dei pazienti che hanno subito una procedura cistoscopica, ma questi piccoli disagi sono transitori.

Questo esame è meno “sensibile” al rilevamento di tumori rispetto all’ urotac, è piú invasivo, ma non c’è assorbimento di raggi X. In alcuni casi, ad esempio nelle donne incinta, è un’alternativa rispetto all’ urotac. Un vantaggio della citoscopia è che l’esame può essere associato alla biopsia, ovvero al prelievo di un campione di tessuto, da esaminare nei dettagli.

Trova il centro di radiologia più vicino a te!

Hai un centro di radiologia e vuoi aderire al portale?