La risonanza magnetica lombo sacrale è una tecnica di imaging non invasiva che permette di esplorare un tratto e sezioni della colonna vertebrale, nella parte inferiore. Il medico ha così la possibilità di guardare nei dettagli se la zona che va dal tratto lombare al coccige è interessata da patologie quali:

  • cause di mal di schiena di natura sacrale o lombare – lombalgia
  • ernia del disco
  • sciatica
  • tumori spinali
  • discopatia
  • fratture

Cenni generali sulla risonanza magnetica

La risonanza magnetica è una tecnica moderna che ha rivoluzionato il mondo dell’imaging medico offrendo possibilità precedentemente insospettate per esplorare il corpo umano.
rmn ernia del disco
Nel corso degli anni è diventata un esame molto pratico, di routine, proposta ed utilizzata in un numero molto elevato di patologie o in varie situazioni cliniche.

Può essere essere usata anche dopo esplorazioni preliminari più accessibili come la radiografia standard, ecografia e gli ultrasuoni , e talvolta in aggiunta o in sostituzione di una TC in  alcune circostanze.

La risonanza magnetica non è invasiva come la TC, TAC, non vengono utilizzati raggi ionizzati dannosi per la salute.  Utilizza campi magnetici e onde radio per produrre immagini di sottili sezioni di tessuto (immagini tomografiche). Gli scanner RM ad alta risoluzione introdotti di recente aumentano la qualità dell’immagine e l’accuratezza diagnostica.

differenza tra risonanza magnetica e TAC lombare

La risonanza magnetica è preferita rispetto alla TC (leggi anche a cosa serve la TAC) quando la risoluzione del contrasto dei tessuti molli dovrebbe essere elevata (ad esempio, per valutare anomalie intracraniche, spinali o del midollo spinale, infiammazione, trauma, sospetto tumore muscoloscheletrico o anomalie intra-articolari).

La risonanza magnetica con mezzo di contrasto è spesso usata per evidenziare le strutture vascolari e per caratterizzare infiammazioni e tumori.

Gli agenti più usati sono derivati ​​del gadolinio che hanno proprietà magnetiche che influenzano i tempi di rilassamento dei protoni. La risonanza magnetica delle strutture intra-articolari può includere un’iniezione di un derivato del gadolinio diluito in un’articolazione.

Anatomia colonna lombosacrale e osso sacro

La colonna lombosacrale è formata dalle cinque ossa vertebrali lombari (da L1 a L5), dall’osso sacro (lo “scudo” osseo nella parte inferiore della colonna vertebrale) e dal coccige. La colonna lombosacrale comprende anche grandi vasi sanguigni, nervi, tendini, legamenti e cartilagine.

Il sacro è un grande osso triangolare situato tra le parti lombare e coccige dell’asse spinale caudale. Assomiglia a un triangolo invertito e ha una superficie interna o pelvica concava e una superficie esterna convessa. Il sacro si articola superiormente con L5, inferiormente con il coccige e bilateralmente con le ossa iliache alle articolazioni sacro-iliache. All’ispezione laterale della colonna vertebrale, si nota che l’osso sacro si proietta posteriormente, formando l’angolo lombosacrale. Come risultato di questo angolo, questa articolazione è soggetta a forze di taglio.

Il sacro è costituito da cinque vertebre, che sono fuse sia anteriormente che posteriormente. Posteriormente, i processi spinosi fusi formano la cresta sacrale mediana, che si estende caudalmente allo iato sacrale. 

anatomia lombo sacrale

A cosa serve la risonanza magnetica lombo sacrale

  • I tumori del sacro possono essere rilevati con la risonanza magnetica. Poiché il sacro è ricco di midollo osseo ematopoietico, le metastasi ossee sono le eziologie più frequenti. Tuttavia, i tumori possono derivare da tutti i componenti dell’osso sacro e i tumori ossei primari devono essere considerati in caso di una lesione solitaria e assenza di storia oncologica. Poiché i segni clinici sono generalmente non specifici, la risonanza magnetica è diventata uno strumento indispensabile per restringere la diagnosi differenziale e determinare l’approccio terapeutico.
  • Frattura da compressione della colonna vertebrale : soprattutto negli anziani
  • La risonanza magnetica svolge un ruolo importante nella diagnosi dei disturbi sacroiliaci e può rilevare l’infiammazione nelle fasi iniziali.

Il medico potrebbe ordinare una risonanza magnetica lombare se si presentano i seguenti sintomi:

  • mal di schiena localizzato nella parte inferiore, osso sacro e zona lombare
  • difetti alla nascita che colpiscono la colonna vertebrale
  • lesioni alla colonna vertebrale inferiore
  • dolore lombare persistente o grave
  • sclerosi multipla
  • problemi con la vescica
  • debolezza, intorpidimento o altri problemi con le gambe

Trova il centro di radiologia più vicino a te!

Come si effettua una risonanza magnetica lombo sacrale

Il macchinario per la risonanza magnetica si presenta come una grande ciambella con un lettino su cui sarai adagiato che scivola al centro dell’apertura.

Sarai completamente al sicuro dentro e intorno alla macchina se hai seguito le istruzioni del medico e tolto tutti gli oggetti metallici che indossavi, ovvero catenine, bracciali ecc. L’intero processo può richiedere da 30 a 60 minuti, anche piú in determinati casi.

Se verrà utilizzato il mezzo di contrasto, un’infermiera o un medico inietterà il colorante a attraverso un ago inserito in una delle vene. In alcuni casi, potrebbe essere necessario attendere fino a un’ora affinché il colorante si muova attraverso il flusso sanguigno e nella colonna vertebrale.

Il tecnico della risonanza magnetica ti farà sdraiare sulla panca, sulla schiena, sul lato o sullo stomaco. Potresti ricevere un cuscino o una coperta se hai difficoltà a sdraiarti sul lettino. Il tecnico controllerà il movimento della panca da un’altra stanza. Sarete in grado di comunicare con te attraverso un altoparlante nella macchina.

La macchina emetterà rumori forti e rumorosi mentre scatta le immagini. Molti ospedali offrono tappi per le orecchie, mentre altri hanno televisori o cuffie per la musica per aiutarti a passare il tempo.

Durante lo scatto delle immagini, il tecnico ti chiederà di trattenere il respiro per alcuni secondi. Non sentirai nulla durante il test.

Trova il centro di radiologia più vicino a te!

Hai un centro di radiologia e vuoi aderire al portale?