Colonscopia virtuale cos’è e cosa può rilevare

La colonscopia virtuale, chiamata anche colecografia TC o COLONOGRAFIA TC è una procedura di imaging medico che utilizza radiografie e computer per produrre immagini bidimensionali e tridimensionali del colon (intestino crasso) dalla parte più bassa, il retto , fino all’estremità inferiore dell’intestino tenue per mostrarli su uno schermo.

La procedura è utilizzata per diagnosticare patologie del colon e dell’intestino, inclusi polipi , diverticolosi e tumori .

Che cos’è

La colonscopia tomografica computerizzata, definita virtuale, è stata introdotta per la prima volta nel 1994 come metodo di imaging per la superficie interna del colon. Con l’aiuto di alcuni nuovi programmi software, è possibile ottenere una vista endoluminale 3D, da cui il nome colonscopia virtuale

Dopo l’introduzione della TAC multidetector , questo strumento di screening di imaging era diventato uno strumento molto sensibile per la diagnosi di piccole lesioni polipoidi coliche. La sensibilità e la specificità della colonscopia virtuale nella diagnosi di polipi superiori a 1  cm, come pubblicato in alcune ricerche, possono raggiungere rispettivamente il 97% e il 100%

Tuttavia, queste cifre possono essere ridotte all’86% per polipi inferiori a 10 mm. Nonostante questa riduzione della sensibilità per polipi di dimensioni inferiori, non è clinicamente problematico poiché il rischio di malignità in un polipo di dimensioni inferiori a 1  cm è inferiore all’1%.

La Colonscopia Virtuale viene eseguita tramite tomografia computerizzata (TC), a volte chiamata TAC o con risonanza magnetica ( RM ). Una colonscopia virtuale può fornire viste endoluminali ricostruite in 3D dell’intestino.

Differenza tra colonscopia virtuale e colonscopia

Nella colonscopia classica non vengono usati raggi X o risonanza magnetica. Le immagini dell’ intestino sono acquisite grazie all’introduzione di una sonda nel retto dotata di telecamera che le fa visualizzare in tempo reale su un monitor.

Quando per problemi “fisiologici”, per l’impossibilità di introdurre una sonda, non si può eseguire la colonscopia, si effettua quella “virtuale” chiamata anche colonscopia non invasiva.

Una delle prime domande che i pazienti pongono riguardo alla colonscopia virtuale è se sia efficace quanto una colonscopia. Sfortunatamente, la risposta no. Le colonscopie sono l’esame “principe” per rilevare il tumore del del colon-retto (carcinomi colorettali) e le lesioni precancerose; questo è stato dimostrato in decenni di studi su casi di Gastroenterologi esperti.

Ciò consente a un gastroenterologo di visualizzare chiaramente l’intestino crasso e la parte distale dell’intestino tenue per rilevare segni di polipi o lesioni cancerose. Con la clonscopia tradizionale inoltre è possibile eseguire contemporaneamente biopsie per approfondire la natura tissutale prelevata.

Semmai la colonscopia virtuale può rappresentare un’alternativa al clisma a doppio contrasto e comunque da affiancare alla colonscopia tradizionale.

Trova il centro di radiologia più vicino a te!

Vantaggi Colonscopia Virtuale

È più comoda della colonscopia ottica per alcuni pazienti perché non utilizza un colonscopio. Di conseguenza, non è necessaria alcuna sedazione e il paziente può tornare alle sue normali attività o tornare a casa dopo la procedura senza l’aiuto di un’altra persona.

La mancanza di sedazione riduce anche il rischio della procedura poiché alcune persone possono avere reazioni avverse ai farmaci sedativi utilizzati durante la colonscopia convenzionale.

La colonscopia virtuale fornisce immagini più chiare e dettagliate di una radiografia convenzionale usando un mezzo di contrasto, clistere di bario . Richiede inoltre meno tempo di una colonscopia convenzionale .

Offre un vantaggio secondario di rivelare malattie o anomalie al di fuori del colon.

Svantaggi Colonscopia Virtuale

Durante la colonscopia virtuale non è possibile prelevare campioni di tessuto ( biopsia ) o rimuovere polipi, pertanto è necessario eseguire una colonscopia convenzionale se si riscontrano anomalie del genere.
Inoltre non mostra tutti i dettagli di una colonscopia convenzionale, quindi i polipi di diametro inferiore a 2-10 mm potrebbero non comparire sulle immagini.

Inoltre la colonscopia virtuale eseguita con TC espone il paziente a radiazioni ionizzanti, considerata, a lungo andare, cancerogene.

La colonscopia ottica è considerata lo ” standard di riferimento ” per lo screening del cancro del colon-retto dalla stragrande maggioranza delle comunità mediche e di ricerca. Tuttavia, alcuni radiologi raccomandano quella virtuale come primo approccio allo screening del colon-retto. La colonscopia virtuale è favorita da alcuni professionisti perché consente la visualizzazione completa dell’intero colon, offrendo quindi maggiori opportunità per identificare i polipi precancerosi e tumori e quindi eseguire tempestive biopsie diagnostiche o rimozione terapeutica di queste lesioni.

Un’altra problematica della colonscopia virtuale è quella relativa ai falsi positivi. In totale, il 13 percento dei pazienti che utilizza il test riceve un risultato positivo , tumore del colon-retto, che poi sarà smentito con una successiva colonscopia tradizionale. Questo non solo comporta un onere emotivo grande e non necessario per il paziente, ma richiede anche che gli stessi vengano sottoposti a ulteriori test di conferma.

A causa del suo elevato livello di efficacia nell’identificazione sia del tumore che di formazioni pre-cancerose una colonscopia ottica fa parte del raggiungimento di una diagnosi definitiva. Ciò significa che se un paziente riceve un risultato positivo da un altro strumento di screening sarà comunque necessaria una colonscopia diagnostica per confermare i risultati.

La colonografia con RISONANZA MAGNETICA consente una visualizzazione simile senza esposizione alle radiazioni. Può rilevare adenomi e neoplasie più grandi con alta specificità, ma meno sensibilità rispetto alla colonscopia convenzionale.

Come si effettua la Colonscopia Virtuale

Al paziente verrà generalmente chiesto di assumere lassativi in casa il giorno prima della procedura per eliminare le feci dal colon. Viene usata anche una supposta per purificare il retto da qualsiasi sostanza fecale rimasta.

Al paziente può anche essere somministrata una soluzione di contrasto che serve per rivestire eventuali feci residue che potrebbero non essere state eliminate dal lassativo, chiamate “marcatura fecale“. Ciò consente al radiologo di visualizzare le immagini 3D per sottrarre efficacemente le feci rimaste, che altrimenti potrebbero dare risultati falsi positivi.

La colonscopia virtuale si effettua si svolge nel dipartimento di radiologia di un ospedale o un centro medico. L’esame dura circa 10 minuti e non richiede sedativi .

Durante la procedura:

  • Il paziente viene posto in posizione supina sul lettino da visita
  • Al paziente può essere somministrato un dosaggio di butilscopolamina per via endovenosa per ridurre al minimo l’attività muscolare nell’area.
  • Un tubo sottile viene inserito nel retto, in modo che l’aria possa essere pompata attraverso il tubo per distendere il colon per una migliore visualizzazione.
  • Al paziente viene chiesto di trattenere il respiro durante la scansione per evitare distorsioni sulle immagini.
  • La scansione viene quindi ripetuta con il paziente disteso in posizione prona .

Dopo l’esame, le immagini prodotte dallo scanner TC devono essere trasformate in un’immagine 3D. Un radiologo valuta i risultati per identificare eventuali anomalie.

Il paziente può riprendere la normale attività dopo la procedura, ma se vengono rilevate anomalie e il paziente necessita di colonscopia convenzionale , può essere eseguita lo stesso giorno.

Costo colonscopia virtuale

Il SSN la mette a disposizione gratuitamente dietro pagamento del ticket sanitario il cui prezzo varia da regione e regione. Privatamente il prezzo di una colonscopia virtuale varia d 250 a 400 euro.

Trova il centro di radiologia più vicino a te!

Hai un centro di radiologia e vuoi aderire al portale?